– Dimmi affinché ti piace che le tue grasse poppe siano trattate tanto, – le ordinò Romano, baciandola arpione, – e frattanto, toccami.

Roberta spostò una giro da indietro la reni, iniziando verso fregare il membro di Romano mentre, devoto, sussurrava: – mi piace perché le mie grasse poppe siano trattate così…

Romano sorrise, massaggiando i seni di Roberta. – di nuovo per me piace preoccupare le tue grasse poppe, – sussurrò, – vederle arrossate e gonfie, e sentirti affliggersi di patimento – Prese la giovane per i capelli e la spinse direzione il tavolo al nocciolo della sala.